nuovapoesia.com

Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami
Discussioni Letterarie (e non solo)
Proponete le vostre opere, presentatevi e discutete di ciò che vi sta più a cuore.
  • Pagina:
  • 1
  • 2

ARGOMENTO: Senza Titolo

Senza Titolo 1 Anno 11 Mesi fa #227

  • Cristiano Sias
  • Avatar di Cristiano Sias
  • OFFLINE
  • Utente Junior
  • tanti
  • Messaggi: 31
  • Ringraziamenti ricevuti 22
  • Karma: 0
 Non posso passare...

 

Non posso passare il tempo a cercare di sopravvivere

 

“Ho vissuto (male) per trent’anni, qualcuno dirà che è troppo poco. Quel qualcuno non è in grado di stabilire quali sono i limiti di sopportazione, perché sono soggettivi, non oggettivi. Ho cercato di essere una brava persona, ho commesso molti errori, ho fatto molti tentativi, ho cercato di darmi un senso e uno scopo usando le mie risorse, di fare del malessere un’arte.

 

 

Ma le domande non finiscono mai, e io di sentirne sono stufo. E sono stufo anche di pormene. Sono stufo di fare sforzi senza ottenere risultati, stufo di critiche, stufo di colloqui di lavoro come grafico inutili, stufo di sprecare sentimenti e desideri per l’altro genere (che evidentemente non ha bisogno di me), stufo di invidiare, stufo di chiedermi cosa si prova a vincere, di dover giustificare la mia esistenza senza averla determinata, stufo di dover rispondere alle aspettative di tutti senza aver mai visto soddisfatte le mie, stufo di fare buon viso a pessima sorte, di fingere interesse, di illudermi, di essere preso in giro, di essere messo da parte e di sentirmi dire che la sensibilità è una grande qualità.

Tutte balle. Se la sensibilità fosse davvero una grande qualità, sarebbe oggetto di ricerca. Non lo è mai stata e mai lo sarà, perché questa è la realtà sbagliata, è una dimensione dove conta la praticità che non premia i talenti, le alternative, sbeffeggia le ambizioni, insulta i sogni e qualunque cosa non si possa inquadrare nella cosiddetta normalità. Non la posso riconoscere come mia. Da questa realtà non si può pretendere niente. Non si può pretendere un lavoro, non si può pretendere di essere amati, non si possono pretendere riconoscimenti, non si può pretendere di pretendere la sicurezza, non si può pretendere un ambiente stabile.

 

A quest’ultimo proposito, le cose per voi si metteranno talmente male che tra un po’ non potrete pretendere nemmeno cibo, elettricità o acqua corrente, ma ovviamente non è più un mio problema. Il futuro sarà un disastro a cui non voglio assistere, e nemmeno partecipare. Buona fortuna a chi se la sente di affrontarlo. Non è assolutamente questo il mondo che mi doveva essere consegnato, e nessuno mi può costringere a continuare a farne parte. È un incubo di problemi, privo di identità, privo di garanzie, privo di punti di riferimento, e privo ormai anche di prospettive.

Non ci sono le condizioni per impormi, e io non ho i poteri o i mezzi per crearle. Non sono rappresentato da niente di ciò che vedo e non gli attribuisco nessun senso: io non c’entro nulla con tutto questo. Non posso passare la vita a combattere solo per sopravvivere, per avere lo spazio che sarebbe dovuto, o quello che spetta di diritto, cercando di cavare il meglio dal peggio che si sia mai visto per avere il minimo possibile. Io non me ne faccio niente del minimo, volevo il massimo, ma il massimo non è a mia disposizione. Di no come risposta non si vive, di no si muore, e non c’è mai stato posto qui per ciò che volevo, quindi in realtà, non sono mai esistito. Io non ho tradito, io mi sento tradito, da un’epoca che si permette di accantonarmi, invece di accogliermi come sarebbe suo dovere fare.

Lo stato generale delle cose per me è inaccettabile, non intendo più farmene carico e penso che sia giusto che ogni tanto qualcuno ricordi a tutti che siamo liberi, che esiste l’alternativa al soffrire: smettere. Se vivere non può essere un piacere, allora non può nemmeno diventare un obbligo, e io l’ho dimostrato. Mi rendo conto di fare del male e di darvi un enorme dolore, ma la mia rabbia ormai è tale che se non faccio questo, finirà ancora peggio, e di altro odio non c’è davvero bisogno. Sono entrato in questo mondo da persona libera, e da persona libera ne sono uscito, perché non mi piaceva nemmeno un po’. Basta con le ipocrisie.

Non mi faccio ricattare dal fatto che è l’unico possibile, io modello unico non funziona. Siete voi che fate i conti con me, non io con voi. Io sono un anticonformista, da sempre, e ho il diritto di dire ciò che penso, di fare la mia scelta, a qualsiasi costo. Non esiste niente che non si possa separare, la morte è solo lo strumento. Il libero arbitrio obbedisce all’individuo, non ai comodi degli altri. Io lo so che questa cosa vi sembra una follia, ma non lo è. È solo delusione. Mi è passata la voglia: non qui e non ora. Non posso imporre la mia essenza, ma la mia assenza sì, e il nulla assoluto è sempre meglio di un tutto dove non puoi essere felice facendo il tuo destino.

Perdonatemi, mamma e papà, se potete, ma ora sono di nuovo a casa. Sto bene. Dentro di me non c’era caos. Dentro di me c’era ordine. Questa generazione si vendica di un furto, il furto della felicità. Chiedo scusa a tutti i miei amici. Non odiatemi. Grazie per i bei momenti insieme, siete tutti migliori di me. Questo non è un insulto alle mie origini, ma un’accusa di alto tradimento.

P.S. Complimenti al ministro Poletti. Lui sì che ci valorizza a noi stronzi.

Ho resistito finché ho potuto”.

Michele

Leggi tutto...
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Senza Titolo 1 Anno 11 Mesi fa #228

  • Gisella Ruzzu
  • Avatar di Gisella Ruzzu
  • OFFLINE
  • Nuovo arrivato
  • scrittura
  • Messaggi: 1
  • Ringraziamenti ricevuti 2
  • Karma: 0
Bravo, Cristiano. Hai interpretato perfettamente lo stato d'animo di milioni di giovani a cui è stato negato il futuro. E se resistono strenuamente alla tentazione dell'ultimo gesto disperato, è soltanto perché, nonostante tutto, covano ancora un lumicino striminzito di sogno, in fondo all'anima, nascosto così bene che gli artigli di Monti, Fornero, Renzi, Poletti e company non sono ancora riusciti a raggiungere, nè a soffiarci sopra.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
Ringraziano per il messaggio: Cristiano Sias, ester

Senza Titolo 1 Anno 11 Mesi fa #229

  • Cristiano Sias
  • Avatar di Cristiano Sias
  • OFFLINE
  • Utente Junior
  • tanti
  • Messaggi: 31
  • Ringraziamenti ricevuti 22
  • Karma: 0
Grazie Gisella, ma purtroppo questa lettera è vera, Michele, friulano di 30 anni, si è tolto la vita dopo aver scritto queste parole qualche giorno fa. Sono "contento", anche se questa parola mi appare ora così tragicamente fuori luogo, che tu l'abbia evidenziata qui. Non so se l'hai condivisa sul forum di proposito o per errore, molti infatti all'inizio scambiano la casellina della condivisione sul forum per i commenti (per i quali invece bisogna cliccare subito sotto su "Aggiungi commento"), ma è giusto ricordare queste parole, nella certezza che non devono essere un manifesto, ma una spinta a non ripetere gli errori che provocano storie strazianti come questa, che uccidono e ci fanno sentire un po' tutti assassini...
Qui uno dei tantissimi articoli che ne parlano
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
Ringraziano per il messaggio: ester

Senza Titolo 1 Anno 11 Mesi fa #230

  • ester
  • Avatar di ester
  • OFFLINE
  • Autore Esperto
  • Messaggi: 91
  • Ringraziamenti ricevuti 14
  • Karma: 1
Non mi era sfuggita, anzi avevo controllato articoli di alcuni giornali, che ne hanno riportato il testo.
Mi ha incuriosito il fatto che nessuno abbia riferito una cronaca più precisa di come sia siano svolti i fatti e i notiziari in Tv hanno detto solo che ancora sono in corso le indagini.
Dunque non sappiamo come si sia suicidato e nemmeno se l'ipotesi del suicidio sia stata confermata o sostenuta da grave stato depressivo.
La famiglia (ho letto) ha deciso di mandare ad un giornale questa lettera, molto arguta, che può, e sottolineo "può" essere strumentalizzata eventualmente come manifesto di un disagio che realmente è molto diffuso fra giovani e meno giovani, per mancanza di sicurezza circa il domani, in senso di futuro molto prossimo.
Ricordo che dopo il boom economico degli anni sessanta, ci fu un brutto periodo simile per quanto riguarda assenza di richiesta di lavoro, e... anche licenziamenti, dove possibile.
Ho conosciuto molti giovani in quella terribile situazione, fra cui un mio primo cugino, figlio unico di madre vedova con pensione minima e mio marito stesso, allora collaboratore scientifico con lunga esperienza nel campo e divenuto molto costoso per la ditta farmaceutica per cui lavorava. Lo misero con le spalle al muro con sospetti di relazioni false circa il fatto di aver visto un paio di medici, che infatti negarono il contatto (uno aveva il braccio ingessato e non poteva certo avallare di aver lavorato cmq in quelle condizioni). Mio marito, impulsivo e suscettibile si licenziò.
Nonostante la sua preparazione universitaria di ben quattro anni, e con una figlia già al suo attivo, non riuscì a trovare lavoro nello stesso campo e, dopo alcuni mesi di forte malessere fisico e psichico (32 anni), accettò un posto come impiegato in una società di assicurazioni.
Ma sono solo esempi di situazioni che credo si siano verificate in molte altre famiglie...
In quegli anni non ci furono suicidi riportati con molto clamore dai quotidiani.
Trovo scorretto farne un caso di questo specifico momento. Almeno finché non saranno concluse le indagini e si saprà cosa realmente sia accaduto.

Perché qui sta il punto: nessun quotidiano riporta i fatti.
Tutta la mia comprensione per il lutto di quella famiglia, ma non accetto la strumentalizzazione di tale lettera, per altro scritta in modo analiticamente molto lucido e preciso. Forse non sono più i suicidi di una volta: ora hanno testa anche per scrivere un testamento morale prima di togliersi la vita! Onore e rispetto per tanto coraggio.
Ultima modifica: 1 Anno 11 Mesi fa da ester. Motivo: digitazione errata
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Senza Titolo 1 Anno 11 Mesi fa #231

  • ester
  • Avatar di ester
  • OFFLINE
  • Autore Esperto
  • Messaggi: 91
  • Ringraziamenti ricevuti 14
  • Karma: 1
Hai perfettamente ragione: la situazione è grave, ma non nuova...
Per fortuna i giovani riescono a mantenere viva la speranza, lottando e protestando, perché "covano ancora un lumicino striminzito di sogno, in fondo all'anima, nascosto così bene che gli artigli di Monti, Fornero, Renzi, Poletti e company non sono ancora riusciti a raggiungere, nè a soffiarci sopra."

Una lettera così forse può sobillare gli animi, ma non serve a sostenere la loro speranza.
E' tecnicamente perfetta, strutturata e motivata al meglio, fedele alla realtà... chi l'ha scritta poteva sperare ancora molto come cronista, come giornalista opinionista. Chissà prima o poi qualche occasione si sarebbe forse presentata...

Mi scuso per la mia animosità su questo tema, ma anch'io, come puoi leggere nella mia risposta a Cristiano, l'ho vissuta sulla pelle di mio marito, demoralizzato, mortificato davanti a noi tutti, come avesse commesso chissà quale colpa... ma nessuno di noi lo incolpava di nulla. Cose che succedevano anche nei primi anni settanta, ma le abbiamo superate, a fatica, tanta fatica, sostegno chimico di antidepressivi e di chi era a lui vicino, ma ci siamo riusciti.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.

Senza Titolo 1 Anno 11 Mesi fa #232

  • Cristiano Sias
  • Avatar di Cristiano Sias
  • OFFLINE
  • Utente Junior
  • tanti
  • Messaggi: 31
  • Ringraziamenti ricevuti 22
  • Karma: 0
"Michele Valentini, figlio di Grazia Zuriatti e Roberto Valentini" , la notizia a firma Antonio Menna pubblicata 5 giorni fa dal Messaggero Veneto su autorizzazione della madre sembra vera, finita tra le polemiche anche in seguito alla lettera successiva (probabilmente fake) di una sedicente fidanzata. Uno dei tanti suicidi finiti nell'anonimato e ignorati dai media se non ci fosse stata questa lettera e se questo ragazzo non "scrivesse così bene". La spiegazione data è plausibile.
Qui il link dell'articolo di Menna:
"È mio figlio Michele, il giovane..."
Polemiche e strumentalizzazioni a parte, resta la denuncia sociale e politica e condivido le vostre opinioni, perché come anch'io ho detto in precedenza questa lettera "non deve essere un manifesto, ma una spinta a non ripetere gli errori", ad alzare la guardia.
E' vero, fatti così e epoche simili li abbiamo già vissuti, ma oggi viviamo un dramma sociale senza precedenti perché non colpisce la situazione economica mondiale o miliardari falliti ma la gente vittima degli insani rimedi che gli artefici di questa stessa crisi gli impone.
E' una situazione che fa impallidire il '29 e ricorda prese di posizione estreme contro il sistema come quella di Jan Palach, per chi lo ricorda.
Solo che oggi in questa situazione non si trova solo qualche sporadica vittima o oppositore, ma tutto il popolo italiano, insieme a tanti altri popoli, anche coloro che - ciecamente - continuano a non rendersene conto.
La parola d'ordine non può essere che una sola : combattere.
Ultima modifica: 1 Anno 11 Mesi fa da Cristiano Sias.
L\'Amministratore ha disattivato l\'accesso in scrittura al pubblico.
Ringraziano per il messaggio: ester
  • Pagina:
  • 1
  • 2
Tempo creazione pagina: 0.667 secondi
Powered by Nuovapoesia & Forum Kunena
Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn