Quindici anni di passione!
Toggle Bar

color

Ogni acquisto aiuta Nuovapoesia

Ogni acquisto fatto tramite questo banner aiuta Nuovapoesia

1 1 1 1 1
Scritto da Cristiano Sias. Pubblicato in Eventi e notizie il 09 Feb 2017.
Hot 2101 visualizzazioni 0 preferiti

 

Non posso passare il tempo a cercare di sopravvivere

 

“Ho vissuto (male) per trent’anni, qualcuno dirà che è troppo poco. Quel qualcuno non è in grado di stabilire quali sono i limiti di sopportazione, perché sono soggettivi, non oggettivi. Ho cercato di essere una brava persona, ho commesso molti errori, ho fatto molti tentativi, ho cercato di darmi un senso e uno scopo usando le mie risorse, di fare del malessere un’arte.

 

 

Ma le domande non finiscono mai, e io di sentirne sono stufo. E sono stufo anche di pormene. Sono stufo di fare sforzi senza ottenere risultati, stufo di critiche, stufo di colloqui di lavoro come grafico inutili, stufo di sprecare sentimenti e desideri per l’altro genere (che evidentemente non ha bisogno di me), stufo di invidiare, stufo di chiedermi cosa si prova a vincere, di dover giustificare la mia esistenza senza averla determinata, stufo di dover rispondere alle aspettative di tutti senza aver mai visto soddisfatte le mie, stufo di fare buon viso a pessima sorte, di fingere interesse, di illudermi, di essere preso in giro, di essere messo da parte e di sentirmi dire che la sensibilità è una grande qualità.

Tutte balle. Se la sensibilità fosse davvero una grande qualità, sarebbe oggetto di ricerca. Non lo è mai stata e mai lo sarà, perché questa è la realtà sbagliata, è una dimensione dove conta la praticità che non premia i talenti, le alternative, sbeffeggia le ambizioni, insulta i sogni e qualunque cosa non si possa inquadrare nella cosiddetta normalità. Non la posso riconoscere come mia. Da questa realtà non si può pretendere niente. Non si può pretendere un lavoro, non si può pretendere di essere amati, non si possono pretendere riconoscimenti, non si può pretendere di pretendere la sicurezza, non si può pretendere un ambiente stabile.

 

A quest’ultimo proposito, le cose per voi si metteranno talmente male che tra un po’ non potrete pretendere nemmeno cibo, elettricità o acqua corrente, ma ovviamente non è più un mio problema. Il futuro sarà un disastro a cui non voglio assistere, e nemmeno partecipare. Buona fortuna a chi se la sente di affrontarlo. Non è assolutamente questo il mondo che mi doveva essere consegnato, e nessuno mi può costringere a continuare a farne parte. È un incubo di problemi, privo di identità, privo di garanzie, privo di punti di riferimento, e privo ormai anche di prospettive.

Non ci sono le condizioni per impormi, e io non ho i poteri o i mezzi per crearle. Non sono rappresentato da niente di ciò che vedo e non gli attribuisco nessun senso: io non c’entro nulla con tutto questo. Non posso passare la vita a combattere solo per sopravvivere, per avere lo spazio che sarebbe dovuto, o quello che spetta di diritto, cercando di cavare il meglio dal peggio che si sia mai visto per avere il minimo possibile. Io non me ne faccio niente del minimo, volevo il massimo, ma il massimo non è a mia disposizione. Di no come risposta non si vive, di no si muore, e non c’è mai stato posto qui per ciò che volevo, quindi in realtà, non sono mai esistito. Io non ho tradito, io mi sento tradito, da un’epoca che si permette di accantonarmi, invece di accogliermi come sarebbe suo dovere fare.

Lo stato generale delle cose per me è inaccettabile, non intendo più farmene carico e penso che sia giusto che ogni tanto qualcuno ricordi a tutti che siamo liberi, che esiste l’alternativa al soffrire: smettere. Se vivere non può essere un piacere, allora non può nemmeno diventare un obbligo, e io l’ho dimostrato. Mi rendo conto di fare del male e di darvi un enorme dolore, ma la mia rabbia ormai è tale che se non faccio questo, finirà ancora peggio, e di altro odio non c’è davvero bisogno. Sono entrato in questo mondo da persona libera, e da persona libera ne sono uscito, perché non mi piaceva nemmeno un po’. Basta con le ipocrisie.

Non mi faccio ricattare dal fatto che è l’unico possibile, io modello unico non funziona. Siete voi che fate i conti con me, non io con voi. Io sono un anticonformista, da sempre, e ho il diritto di dire ciò che penso, di fare la mia scelta, a qualsiasi costo. Non esiste niente che non si possa separare, la morte è solo lo strumento. Il libero arbitrio obbedisce all’individuo, non ai comodi degli altri. Io lo so che questa cosa vi sembra una follia, ma non lo è. È solo delusione. Mi è passata la voglia: non qui e non ora. Non posso imporre la mia essenza, ma la mia assenza sì, e il nulla assoluto è sempre meglio di un tutto dove non puoi essere felice facendo il tuo destino.

Perdonatemi, mamma e papà, se potete, ma ora sono di nuovo a casa. Sto bene. Dentro di me non c’era caos. Dentro di me c’era ordine. Questa generazione si vendica di un furto, il furto della felicità. Chiedo scusa a tutti i miei amici. Non odiatemi. Grazie per i bei momenti insieme, siete tutti migliori di me. Questo non è un insulto alle mie origini, ma un’accusa di alto tradimento.

P.S. Complimenti al ministro Poletti. Lui sì che ci valorizza a noi stronzi.

Ho resistito finché ho potuto”.

Michele


Cristiano Sias

50 571 54

2 Non mi piace0

Guarda tutti gli scritti di Cristiano Sias

Accedi o registrati per inviare un commento o partecipare
  • Nessun commento trovato


Avatar di ester
ester ha risposto alla discussione #233 16/02/2017 18:00
Interessante: http://notizie.tiscali.it/cronaca/articoli/Michele-giovane-precario-suicida-lettera-madre/

"Un piccolo giallo
... Ma su quella missiva, oggi, si accende un piccolo giallo. Nessuno aveva informato gli inquirenti che esisteva un messaggio del ragazzo morto. Così il caso giudiziario non era proprio stato aperto. Poi è spuntata la lettera. Pubblicata direttamente sul Messaggero Veneto, a cui sarebbe stata consegnata direttamente dai genitori. Pare che il ragazzo avesse espresso questa volontà. Ma la procura, adesso, vuole capire. I magistrati intenderebbero fare accertamenti contro ignoti per capire se quella morte si sarebbe potuta evitare; se c'è stata, quindi, istigazione al suicidio."

Proprio seguendo il link da te indicato ho trovato il tassello mancante... spero veramente che ci aiuti a capire e che sia tutto chiaro e senza ombre. Già è dolorosa così, se poi ci fosse dell'altro...
Avatar di Cristiano Sias
Cristiano Sias ha risposto alla discussione #232 16/02/2017 17:46
"Michele Valentini, figlio di Grazia Zuriatti e Roberto Valentini" , la notizia a firma Antonio Menna pubblicata 5 giorni fa dal Messaggero Veneto su autorizzazione della madre sembra vera, finita tra le polemiche anche in seguito alla lettera successiva (probabilmente fake) di una sedicente fidanzata. Uno dei tanti suicidi finiti nell'anonimato e ignorati dai media se non ci fosse stata questa lettera e se questo ragazzo non "scrivesse così bene". La spiegazione data è plausibile.
Qui il link dell'articolo di Menna:
"È mio figlio Michele, il giovane..."
Polemiche e strumentalizzazioni a parte, resta la denuncia sociale e politica e condivido le vostre opinioni, perché come anch'io ho detto in precedenza questa lettera "non deve essere un manifesto, ma una spinta a non ripetere gli errori", ad alzare la guardia.
E' vero, fatti così e epoche simili li abbiamo già vissuti, ma oggi viviamo un dramma sociale senza precedenti perché non colpisce la situazione economica mondiale o miliardari falliti ma la gente vittima degli insani rimedi che gli artefici di questa stessa crisi gli impone.
E' una situazione che fa impallidire il '29 e ricorda prese di posizione estreme contro il sistema come quella di Jan Palach, per chi lo ricorda.
Solo che oggi in questa situazione non si trova solo qualche sporadica vittima o oppositore, ma tutto il popolo italiano, insieme a tanti altri popoli, anche coloro che - ciecamente - continuano a non rendersene conto.
La parola d'ordine non può essere che una sola : combattere.
FaLang translation system by Faboba

Se questo sito vi piace, considerate di dare anche un piccolissimo aiuto per il suo sostentamento. Grazie



Fa più rumore un albero che cade che una foresta che cresce. (D.Parolin)
Fa più rumore un albero che cade che una foresta che cresce. (D.Parolin)
  • Nessun messaggio da mostrare.
  • Utenti Online: 0
  • Utenti Offline: 52
  • Ospiti: 517
53 Utenti 513 Articoli 742302 Visite agli articoli

Grazie da Nuovapoesia

Io uso Scarica Firefox Scarica Chrome
Non uso Sconsigliato: Internet Explorer

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop  Timeline

Le ultima novità di Nuovapoesia sul tuo desktop