This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it. Learn more

I understand

Cookie Policy

This site uses cookies and similar technologies, in order to enable or improve the service and safety of navigation.
(European legislation - Legislative Decree 69/2012 and 70/2012, the measure of the guarantor privacy 08/04/2014, Official Gazette 126 06.03.2014, legal obligation from 6.3.2015) .

This Cookie Policy relates to www.nuovapoesia.com ("Site") managed and operated by Cristiano Sias, Via G. Mazzini 48, 15060 Vignole Borbera (AL), CF SSICST54P05E004Z (“Cristiano  Sias").

Cookies are small text files sent to you by visiting the web site. They are stored on computer hard disk, thus allowing the website to recognize users and store certain information about them, in order to enable or improve the service

.
There are different types of cookies. Some are required to be able to surf the Web, others have different goals such as ensuring internal security, system administration, perform statistical analysis, to understand what are the sections of the Site that are more relevant to users or offer a personalized visit of the Site.

The Site uses cookies technical and not profiling. The above refers both to the user's computer to any other device that you can use to connect to the Site.

Technical cookies

Technical cookies are those used for the sole purpose of carrying out the transmission of a communication over an electronic communications network, or as strictly necessary for the provider of an information society service explicitly requested by the subscriber or user to provide that service.

They are not used for other purposes and are normally installed by the owner or operator of the website.

Can be divided into the navigation cookies or session, which guarantee the normal navigation and use of the website (allowing, for example, to make a purchase or authenticate to access restricted areas); analytics cookies, similar to the technical cookies when used directly by the site operator to collect information, in aggregate form, the number of users and how they visit the site; cookies of functionality, that allow a user browsing the function of a set of selected criteria (for example, the language, the products selected for purchase) in order to improve the return to the same service.

Disabling cookies may limit your ability to use the Site and to prevent from fully benefiting of features and services on the Site. To decide which to accept and which to reject, is illustrated below is a description of cookies used on the Site.

Types of cookies used

Cookies of the first part:
The cookies of the first part (ie cookies that belong to the publisher's site that created them) are set by the user visited website, whose address appears in the URL box. The use of cookies allows us to operate the site efficiently and to track patterns of behavior of visitors
.

Third Party Cookies:
The third-party cookies are set by a different domain than the one visited by the user. If a user visits a site and a different company sends the information using that site, you are in the presence of third-party cookies
.

Session cookies:
The c.d. session cookies they are temporarily stored and is deleted when the user closes the browser. If you register with the Site, may use cookies that collect personal data in order to identify you on subsequent visits and facilitate access - login to the site (for example, keeping your username and password) and the navigation on the same. In addition, the site uses cookies for system administration purposes. The Site may contain links to other sites. The site has no access or control over cookies, web bacon and other tracking technologies used on third party sites that the user can access the site, the availability of any content and material that is published or obtained through such sites and on special rules for processing of personal data; the site in this regard, considering the amount of such other sites, expressly disclaims all responsibility. You should check the privacy policy of any third party sites that are accessed from the website to know the conditions applicable to the processing of personal data since the Website Privacy Policy applies only to the Site as above defined
.
 
Persistent Cookies:
Persistent cookies are stored on the user device between browser sessions, allowing you to remember any preferences or user actions on a site. They can be used for different purposes, for example to remember the preferences and choices when using the Site.
 
Essential cookies:
These cookies are necessary for the operation of the Site. Without the use of such cookies some parts of the site would not work. They include, for example, cookies that enable access to protected areas of the site. These cookies do not collect information for marketing purposes and can not be disabled.

Functional cookies:
These cookies are used to recognize a user who returns to your site. They allow you to customize the content and remember your preferences (for example, the selected language or region). These cookies do not collect information that can identify you. All information gathered is anonymous.

Cookies of sharing on social networks:
These cookies facilitate the sharing of site content through social networks such as Facebook and Twitter. To view the respective privacy policies and cookies you can visit the Web sites of social networks. In the case of Facebook and Twitter, you can visit https://www.facebook.com/help/cookies and https://twitter.com/privacy.

Specifically, the following is a list of the main cookies used on the Website and their descriptions and functionality, including the time duration.
1)  Cookie TypeFirst part Functional
ProvenanceNuovapoesia
FinalityRecover your settings (save the user's session and remember certain settings such as the accessibility settings)
Durationpersistent cookie
  
2) Cookie Type First part Functional
ProvenanceNuovapoesia
FinalityStore the user's location and remember the language settings (anonymous)
  
3) Cookie TypeFirst part Functional
ProvenanceNuovapoesia
FinalityCustomize the content of the page depending on the device used by the user, of his choices and settings (anonymous)


How to change the settings on cookies

Most browsers automatically accept cookies, but you can usually change the settings to disable this function. E 'can block all types of cookies, or accept only get a few, and disable the other. "Options" or "Preferences" in the browser menu allows you to avoid receiving cookies and other user tracking technologies, and how to get notification from the browser activation of these technologies. Alternatively, you can also refer to "Help" of the toolbar present in most browsers.

E 'can also select the browser you used from the list below and follow the instructions: -
Internet Explorer; - Chrome; - Safari; - Firefox; - Opera. From mobile: - Android; - Safari; - Windows Phone; - Blackberry.

To learn more about cookies and to manage cookie preferences (first and / or third party) users are invited to also visit  www.youronlinechoices.com. It should be stressed that disabling cookies or those of the navigation function can cause the malfunction of the Site and/or limit the service offered by the Site.

nuovapoesia.com

User Rating: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive
 
Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Written by Carmen Cantatore. Posted in Prosa on 13 Apr 2017.
Hot 864 hits 0 favoured

 

Ricevetti l'incarico via e-mail. Lì per lì la cosa mi fece ridere ma quando lessi l'importo del compenso non ci pensai due volte e corsi a preparare la valigia. Ammetto che non fu molto facile, dovetti attraversare mari e monti per raggiungere il mio obiettivo ma, si sa, per la gloria avrei fatto carte false.

Seguendo le indicazioni arrivai dritto dritto all'antro ciclopico che ospitava il gigantesco personaggio. Provai a tossicchiare, nulla. Pestai con i piedi per terra, nulla. Dopo una buona mezz'ora sentii uno scalpiccio e dal buio apparve un vecchietto mezzo ingobbito. Alto era alto, certo e in mezzo alla fronte aveva un bernoccolo mostruoso. Mi guardò e chiese che diavolo ci facessi lì. Preso alla sprovvista non trovai di meglio che presentarmi, gli dissi che ero un giornalista e che avevo avuto l'incarico di intervistare il terribile Polifemo - Lo conosceva? -. Per tutta risposta buttò là che era stufo di incontrare giornalisti occidentali che con le loro stupide domande lo mettevano in imbarazzo.

"In imbarazzo?" chiesi io.

"Si, certo in imbarazzo. Tutti si aspettano di trovare un orco mostruoso con un occhio solo in mezzo alla fronte..."

Lo interrupi: "Un orco mostruoso... ma sarebbe lei il famigerato Polifemo?" domandai.

"Ecco, lo sapevo, un altro giornalista da strapazzo, un quaquaraquà... " e mi guardò malevolo "... che crede sia tutto vero quello che si scrive sui libri di storia! Non fate così anche oggi?"

Rimasi in silenzio e riflettei sulla questione più antica del mondo: la storia si ripete. Poi chiesi:

"Lei non ha un occhio solo in mezzo alla fronte, com'è possibile che il figlio di un re si sia inventato una fandonia simile?"

"Certo che no, non si trattò di una vera invenzione, purtroppo prese fischi per fiaschi, vede? Ho un grosso bernoccolo in mezzo alla fronte, sono nato così. Vuole che le racconti come andò?"    Mi chiese spazientito.

"Certamente" risposi "sono qui per questo!"

"Eh, quella notte quando rientrai nella mia grotta dove custodivo le pecore dopo il pascolo, il fuoco era già acceso e la mia ombra allungata sul lato opposto della grotta spaventò talmente i forestieri che corsero a nascondersi nei cantucci. Se ne stavano accovacciati dietro alcuni massi e in mezzo alle crepe della caverna ma io che ho l'udito molto fino, percepii lo sbattere dei loro denti..."

Fece una pausa e si sedette accanto al fuoco mentre io ascoltavo attentamente e siccome non dava segno di proseguire lo incitai:

"Non vorrà dirmi che l'eroe famoso col nome di Ulisse e i suoi coraggiosi compagni la temevano?"

"Ulisse? Ah, questo era il suo nome? Pensare che 'nessuno' lo seppe e per tutti rimase il personaggio oscuro che era. Per indicarlo prendemmo, appunto, l'abitudine di identificarlo come Nessuno e questo scrivemmo sul suo corpo quando ce ne liberammo."

A questo punto ero incredibilmente curioso e molte sensazioni si agitavano in me. Se solo mi avessero creduto sarebbe stato lo scoop del secolo! Ma che dico, del millennio e continuai:

"Mi sta dicendo che fu lei a dare questo nome al figlio di Laerte?

Polifemo non si degnò nemmeno di rispondere ma riprese il suo racconto.

"Cominciai così a cercare tra i massi e gli anfratti della grotta per capire di che si trattasse e quando scovai i primi due li scaraventai fuori. Ero convinto che non ce ne fossero altri ma il rumore continuava così cercai più accuratamente e ne trovai molti altri. Non sapevo cosa farne, temetti ne arrivassero ancora a turbare la mia solitaria quiete così l'indomani li chiusi nell'antro e me ne andai a pascolare il mio gregge riflettendo sul da farsi."

Ascoltavo sbalordito il racconto, l'altra versione dei fatti che nessuno aveva mai raccontato e mi chiedevo se i contemporanei avrebbero creduto ad una storia così balzana che metteva in discussione le eroiche gesta del figlio di re più famoso al mondo!

"Ma non penserà che io creda a questa storia? E come avrebbe fatto a liberarsi degli uomini valorosi che avevano lottato contro una delle potenze a quel tempo più forti nel mediterraneo?" proferii incredulo.

Polifemo mi guardava di sottecchi cercando di comprendere quali fossero le mie considerazioni ma proseguì senza badare alla mia sorpresa.

"Il giorno successivo, al pascolo, mi consultai con gli altri pastori della zona che, al pari mio, volevano custodire e proteggere il nostro territorio da invasori d'oltre mare. Ognuno diceva la sua. Sapevano benissimo che, se fosse giunto il conquistatore, avremmo perso l'autonomia, le greggi, la libertà e l'indipendenza."

Riflettevo su queste conclusioni rendendomi conto della validità delle argomentazioni.

"In fin dei conti non c'era molto che allettasse un regno straniero..." ma nemmeno stavolta mi rispose forse dando per scontato che il territorio fosse una motivazione sufficiente. Dovetti convenire.

"Così decidemmo che ci saremmo liberati di quegli ospiti sgraditi una volta per tutte" proseguì il 'ciclope' "ci organizzammo  e stabilimmo che sarebbe stato opportuno far loro dimenticare ogni riferimento che portasse a noi. Ci venne un'idea. Avevamo sperimentato in passato gli effetti devastanti di una sostanza che si ricavava da un frutto dolcissimo. Cresceva in grossi grappoli appesi a piante rampicanti di cui erano ricche le nostre colline. Il frutto non dava alcun sintomo ma il suo succo aveva conseguenze terribili su di noi, tanto che ognuno la considerava pianta velenosa. Il giorno seguente andai alla ricerca dei due supersiti scacciati dalla grotta ma ne trovai i corpi annegati sulla riva del mare non molto lontano dalla loro nave abbandonata. Così decisi che come il mare li aveva portati da noi, così il mare li avrebbe allontanati."

Ora cominciava a prendere forma la versione dei fatti che il mondo ancora non conosceva. Nella mia mente si faceva strada una storia altrettanto inverosimile che ero impaziente di ascoltare ma dovevo assolutamente avere le idee chiare, v'erano delle lacune e chiesi pronto a contestare:

"Abbia pazienza! La nave non era abbandonata, Ulisse aveva lasciato almeno una trentina di uomini a bordo a custodia di tutto."

Ma egli rispose sempre più spazientito:

"Non mi crede? Allora cos'è venuto a fare qui? Vuole sapere la verità? Vuole che le racconti come sono andate le cose?"

Mi zittii e lo lasciai proseguire pronto ad intervenire alla panzana successiva.

"Così, durante i giorni a venire," proseguì Polifemo " raccogliemmo con attenzione una quantità sufficiente da produrre abbastanza liquido per il nostro piano. Continuavo a lasciare quegli uomini chiusi nella grotta quando andavo al pascolo anche se loro mi rubavano il cibo che mi serviva per vivere ma era molto più importante proteggere il popolo e l'isola che abitavamo. In breve fummo pronti e dopo tanto sbattere di denti, una sera rientrai allegro e mi rivolsi loro con parole amichevoli offrendo il nostro prezioso prodotto. Essi, appena ne annusarono l'aroma si rianimarono e timidamente uscirono dai tanti nascondigli. Io cercai di essere molto gentile e giustificai la prigionia raccontando loro che nei dintorni si aggiravano creature mostruose da cui volevo proteggerli. Non furono molto convinti ma, quando offrii loro il succo della frutta che avevo con me, si animarono e in men che non si dica trovarono il coraggio di avvicinarsi per saziarsi di quella terribile bevanda. Fu molto più facile di quanto pensassi, temevo che ne conoscessero gli effetti e la rifiutassero. Incredibilmente, pur sapendo di cosa si trattasse, bevvero avidamente fino all'ultima goccia. Tutti!"

Non riuscivo a proferir verbo, la storia era incredibilmente assurda. Era esattamente l'opposto di quel che il mondo conosceva ma non osai interrompere l'arzillo vecchietto che continuò:

"A quel punto non rimaneva che attendere gli effetti del veleno e, quando infine crollarono per le conseguenze, chiamai tutti gli altri pastori. Ogni corpo fu portato alla nave che stava ancorata vicino alla costa. Erano decine. L'impresa richiese parecchie ore, il sentiero fino alla spiaggia era impervio, bisognava superare un tratto di mare portando a spalla tutto quel peso ma, infine, il piano funzionò. Liberammo l'imbarcazione dalle funi di ancoraggio e i venti di Nettuno la portarono con sé, lontano oltre l'orizzonte."

Ero sbalordito! Avevo appena ascoltato la versione inversa del millenario racconto originale.

"Per un lungo periodo organizzammo le vedette sui monti per scorgerne un eventuale ritorno ma non accadde mai nulla di tutto quello che temevamo. E adesso, se permette, ho le mie pecore da governare, vogliono essere munte e rifocillate, le ho raccontato tutto quello che so, si levi dai piedi e mi lasci portare a termine i miei compiti."

Me ne andai pensieroso, silenzioso, offeso, dubbioso. Persino io faticavo a credere alle mie orecchie e non potevo immaginare quali effetti avrebbe avuto una storia simile raccontata al mondo, ammesso che qualche media avesse accettato di pubblicare una simile intervista.

 


Carmen Cantatore

Author: Carmen Cantatore

69 541 69

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
3 Dislike0
1 1 1 1 1

About the Author Carmen Cantatore

More articles from this author

Vote this article

05

Please login to comment
  • No comments found

Saturday, 21 September 2019 09:02
Saturday, 21 September 2019
Se c'è soluzione perché ti preoccupi? Se non c'è soluzione perché ti preoccupi? (Aristotele)

  • Online Users: 0
  • Offline Users: 55
  • Guests: 201
57 Users 471 Articles 29 Web Links 385484 Articles View Hits

Thanks to Nuovapoesia

The latest news to Nuovapoesia on your desktop  

The latest news to Nuovapoesia on your desktop   Timeline