Fifteen years of passion!
Toggle Bar

color

nuovapoesia.com

1 1 1 1 1
Written by Cristiano Sias. Posted in Poesie on 18 Jan 2017.
Hot 1526 hits 1 favoureds

 

Registravo

il rumore delle mie palpebre

quando ti guardavo

 

pesavo

il pensiero di te

prima di addormentarmi

 

misuravo

la distanza fra i nostri corpi

mentre ci amavamo

 

stringevo nel pugno

l'atmosfera di ogni nostro incontro.

 

A chi mi diceva

che le palpebre non fanno rumore

che un pensiero non si può pesare

che la distanza è zero

e l'atmosfera in un pugno

è un nulla fugace

rispondevo:

di questo nulla

io vivo.

 

Ora che non ci sei più

che la vita è di nuovo mia

ho tutto quello che voglio

anche i sassi che raccolgo

sulla spiaggia dove ci siamo incontrati.

 

A chi mi dice

che sono fortunato

perché ho tutto

anche una bella collezione di sassi

rispondo:

di questo tutto

io sto morendo.


Cristiano Sias

Author: Cristiano Sias

41 469 45

prova
Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
2 Dislike0

About the Author Cristiano Sias

More articles from this author

Please login to comment
Qualcuno sulla pagina del mare traccia un segno di vita, figge un punto. Raramente qualche gabbiano appare. (M.Luzi)
Qualcuno sulla pagina del mare traccia un segno di vita, figge un punto. Raramente qualche gabbiano appare. (M.Luzi)
  • Online Users: 3
  • Offline Users: 47
  • Guests: 690
50 Users 491 Articles 494950 Articles View Hits

Thanks to Nuovapoesia

The latest news to Nuovapoesia on your desktop 

The latest news to Nuovapoesia on your desktop   Timeline