nuovapoesia.com


La libreria più grande del mondo!


La libreria più grande del mondo!

5 1 1 1 1 1 Rating 5.00 (1 Vote)
Written by Nuovapoesia. Posted in Notes and thoughts on 22 Apr 2022.
Hot 396 hits 0 favoureds

Abbiamo sbagliato tutto. Negli ultimi vent'anni e più, abbiamo pensato che la Poesia fosse per tutti, che chiunque potesse essere un poeta anche se non aveva mai scritto un verso, persino una massaia mentre scriveva un pensiero scolando la pasta, o un manager d'azienda frustrato che buttava sul blocco note parole a caso tra planning e frustrazioni. E qualcuno di questi ha pure vinto un concorso. Ma tutti non erano pronti. Non erano puri. E abbiamo regalato perle ai porci, pubblicato le nostre incapacità, pianto per papà morti e cagnolini affettuosi, riempiendo il web di gabbiani e minestroni insipidi, affogando nei social e amando noi stessi più della poesia stessa, fino a che ci siamo chiesti se la Poesia fosse morta, finché pure Wikipedia ha deciso che la Poesia era ormai in una "posizione secondaria". Una moltitudine di vetrine agonizzanti chiede oggi a gran voce di essere cancellata. La poesia si ritira dal web con dignità, offesa come mai essa è stata nei secoli, salvo lasciare un segno onorevole della sua presenza, esempi di amore e sperimentazione, di idee ed evoluzione, con qualche segnale di resilienza e qualità per chi l'ama davvero, la cerca e la comprende nel suo significato originale, eletto, universale, ponendo se stesso all'ultimo scalino di questa storia infinita che onora la sensibilità delle anime e non un istante di protagonismo. Chi la vuole, la venga a cercare, chi ancora ci crede, negli angoli e nelle pietre dei luoghi della storia e dell'infinito, nelle librerie e nei sogni di chi la difenderà con passione e orgoglio fino al suo ultimo respiro.
Gli altri, gli "altri", facciano altro.


Nuovapoesia

8 59 8

6 Dislike0

About the Author Nuovapoesia

Please login to comment
  • La Poesia non è per tutti e nemmeno di tutti. Quando più di due decenni fa condussi i miei primi passi nel mondo della poesia collettiva (dopo anni di solitaria scrittura) mi parve di essere entrata in un raffinato locale dove si offriva una vasta selezione di vini pregiati da degustazione e alla fine ne uscivo ubriaca. La Poesia mi ha inebriata, fatta cadere in un baratro di feroce introspezione. E' diventata la mia bandiera, la mia seduta di psicanalisi, la passione sfrenata, il sentimento che castigato finalmente aveva voce o meglio verso. Non è di tutti la poesia, per questo ho sempre pensato che andare in vetrina e confondersi o peggio competere con chi gridava "buongiorno caffeee" era una battaglia persa. Ho sperimentato anche questo dopo i salotti buoni letterari e creativi. In generale ho notato che "la gente" non vuole impegnarsi, non lo fa nella vita reale figuriamoci soffermarsi su dei versi che magari li porta a riflettere sul senso di un'emozione, sul messaggio di chi scrive. Ho provato scoraggiamento, mi sono rintanata e ho cominciato un gioco di sottrazione all'espormi con quel nudo di donna che mi ritrae quando scrivo. Sono ipersensibile lo ammetto e basta poco come quella volta che invitata ad un evento poetico come partecipante, mi parve elegante invitare amiche ed amici e la risposta è stata per i più sinceri. "non prendertela, ma la poesia non mi è mai piaciuta dai tempi della scuola" oppure "verrei se capissi qualcosa di poesia" altri... "quando sento poesia volto pagina!" Ecco la nostra amata e bramata Poesia, continuo a dire che non è per tutti.
    Quindi penso che siamo stati noi ad onorarla. Tutti noi che abbiamo avuto bisogno di Lei e l'abbiamo creata e nutrita, quelli che amano leggere i sommi Poeti e quelli meno noti. La Poesia è una veste dignitosa per chi ha portamento nell'indossarla e poi c'è tutto quel gran dire e fare sulla Lingua Italiana. Perchè è vero che la Poesia ha il suo carattere e la sua appartenenza territoriale ed essere dialettale o influenzata dal folklore tipico di chi scrive, ma è necessario rispettare ciò che sono le basi fondamento della grammatica. La scrittura in prosa e la Poesia devono necessariamente possedere certi ingredienti altrimenti dovremo dare spazio all'illetteratismo o al deficit di attenzione dei soggetti funzionali che sta prendendo piede in larga scala. Ho letto testi che pretendevano essere titolate poesia composti dalle consonanti d'abbreviazione sms - Orrore! questo è uno solo dei tanti esempi che vorrei fare ma so di aver già preso troppo spazio. Io vorrei riprovarci a gettare la semenza perchè la Poesia mi restituisce un dono.

  • Oggi per me è stata una giornata faticosa e lunga, di lavoro in casa e pulizie, mischiati a qualche intervento online sui libri, mail e il sito, ho cenato tardi, davanti alla TV deludente, come spesso succede, mezzo intossicato da detergenti sgrassatori e insetticida, non avevo neanche voglia di aprire un libro, e sono rimasto lì a pensare, fumando qualche sigaretta, confuso tra i ricordi e quello che farò domani, tutte cose che non interessano nessuno, ma sono vita quotidiana. Poi mi sono alzato, per buttarmi a letto molto prima del solito, e mi sono accorto che il computer era ancora accesso, toccando il mouse è apparsa la pagina di Nuovapoesia, ero ancora logato e prima di spegnere ho dato un'occhiata. Nelle notifiche c'era il tuo commento e sono andato a leggerlo. Ma era davvero il tuo? Sì, perché potevo averlo scritto io, troppe cose mi riportavano a un vissuto marchiato a pelle, ma non tutte, o forse tutte, ma di qualcuna mi sono accorto meno e di altre di più. Chissà se le ho sognate o vissute davvero.Scrivo a getto, tante parole anch'io, per dirti che stasera ero solo un po' depresso, e leggendoti mi sono commosso, ma mi hai lavato via la tristezza, ho sentito dentro un po' di serenità. Non potrei mai parlare così in quei posti che dici, ma qui sì. A volte ti senti meno solo, perché basta poco, e sono sicuro che stanotte riposerò, anche più contento, senza ringraziarti, perché non serve, e un abbraccio vale molto di più. Il mondo è meglio adesso chiuderlo fuori. Ciao

  • Tra le mille cose che mi mancano sono: la discussione, il confronto, la guida di chi può fornire esempio o istruzione, la fiducia e l'amicizia concreta senza competizione né rivalità. E questi sono forse stati gli elementi mancanti che hanno messo in discussione il progredire di progetti finalizzati sul contesto poetico. In una comunità ha bisogno di una guida, di un leader il problema è la comunicabilità, la competizione fine a se stessa. Non credo che proporre la propria creazione debba considerarsi oggetto "di sfida". La poesia ha questa fortuna, di essere unica e incantevole per chiunque la esprima. (ho confessato una sorta di bullismo gratuitamente ricevuto nel passato)
    Un abbraccio

  • Sto leggendo e riflettendo sulle considerazioni che leggo qui, a cominciare dall'esternazione sulla Poesia e fino ai commenti.
    Confesso che mi sono sentita avvolta dalle parole e dalle emozioni che emergono. Che anche io, a un certo punto, mi sono ritirata a leccarmi le ferite. Ciò nonostante lei, la poesia, continuava a uscire, esattamente come è stato espresso qui.
    Ma ho bisogno ancora del buio della solitudine, stavolta ho ritrovato compagni di cammino. Grazie.

  • La solitudine è una compagna persuasiva. Ma la poesia sa esserlo di più. Un abbraccio

  • Mi ricordo le critiche di alcuni "distruttori". Ci deridevano, chiamandoci "puri", "scudieri della rima baciata", e di più e peggio. Daniela-Micol ha combattuto battaglie dure, ricordo bene. Mi chiedo però, di tutti quei "fratelli" di un tempo, dove sono finiti? Si sono persi? O molti...non erano sinceri?

FaLang translation system by Faboba

If you like this site, considered to give even a small help for subsistence. Thank you



L'Italia è una Repubblica affondata sul lavoro. (C.Sias)
L'Italia è una Repubblica affondata sul lavoro. (C.Sias)
  • Online Users: 0
  • Offline Users: 53
  • Guests: 225
55 Users 546 Articles 852680 Articles View Hits

Thanks to Nuovapoesia

The latest news to Nuovapoesia on your desktop  

The latest news to Nuovapoesia on your desktop   Timeline

Change the light/dark look