This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it. Learn more

I understand

Cookie Policy

This site uses cookies and similar technologies, in order to enable or improve the service and safety of navigation.
(European legislation - Legislative Decree 69/2012 and 70/2012, the measure of the guarantor privacy 08/04/2014, Official Gazette 126 06.03.2014, legal obligation from 6.3.2015) .

This Cookie Policy relates to www.nuovapoesia.com ("Site") managed and operated by Cristiano Sias, Via G. Mazzini 48, 15060 Vignole Borbera (AL), CF SSICST54P05E004Z (“Cristiano  Sias").

Cookies are small text files sent to you by visiting the web site. They are stored on computer hard disk, thus allowing the website to recognize users and store certain information about them, in order to enable or improve the service

.
There are different types of cookies. Some are required to be able to surf the Web, others have different goals such as ensuring internal security, system administration, perform statistical analysis, to understand what are the sections of the Site that are more relevant to users or offer a personalized visit of the Site.

The Site uses cookies technical and not profiling. The above refers both to the user's computer to any other device that you can use to connect to the Site.

Technical cookies

Technical cookies are those used for the sole purpose of carrying out the transmission of a communication over an electronic communications network, or as strictly necessary for the provider of an information society service explicitly requested by the subscriber or user to provide that service.

They are not used for other purposes and are normally installed by the owner or operator of the website.

Can be divided into the navigation cookies or session, which guarantee the normal navigation and use of the website (allowing, for example, to make a purchase or authenticate to access restricted areas); analytics cookies, similar to the technical cookies when used directly by the site operator to collect information, in aggregate form, the number of users and how they visit the site; cookies of functionality, that allow a user browsing the function of a set of selected criteria (for example, the language, the products selected for purchase) in order to improve the return to the same service.

Disabling cookies may limit your ability to use the Site and to prevent from fully benefiting of features and services on the Site. To decide which to accept and which to reject, is illustrated below is a description of cookies used on the Site.

Types of cookies used

Cookies of the first part:
The cookies of the first part (ie cookies that belong to the publisher's site that created them) are set by the user visited website, whose address appears in the URL box. The use of cookies allows us to operate the site efficiently and to track patterns of behavior of visitors
.

Third Party Cookies:
The third-party cookies are set by a different domain than the one visited by the user. If a user visits a site and a different company sends the information using that site, you are in the presence of third-party cookies
.

Session cookies:
The c.d. session cookies they are temporarily stored and is deleted when the user closes the browser. If you register with the Site, may use cookies that collect personal data in order to identify you on subsequent visits and facilitate access - login to the site (for example, keeping your username and password) and the navigation on the same. In addition, the site uses cookies for system administration purposes. The Site may contain links to other sites. The site has no access or control over cookies, web bacon and other tracking technologies used on third party sites that the user can access the site, the availability of any content and material that is published or obtained through such sites and on special rules for processing of personal data; the site in this regard, considering the amount of such other sites, expressly disclaims all responsibility. You should check the privacy policy of any third party sites that are accessed from the website to know the conditions applicable to the processing of personal data since the Website Privacy Policy applies only to the Site as above defined
.
 
Persistent Cookies:
Persistent cookies are stored on the user device between browser sessions, allowing you to remember any preferences or user actions on a site. They can be used for different purposes, for example to remember the preferences and choices when using the Site.
 
Essential cookies:
These cookies are necessary for the operation of the Site. Without the use of such cookies some parts of the site would not work. They include, for example, cookies that enable access to protected areas of the site. These cookies do not collect information for marketing purposes and can not be disabled.

Functional cookies:
These cookies are used to recognize a user who returns to your site. They allow you to customize the content and remember your preferences (for example, the selected language or region). These cookies do not collect information that can identify you. All information gathered is anonymous.

Cookies of sharing on social networks:
These cookies facilitate the sharing of site content through social networks such as Facebook and Twitter. To view the respective privacy policies and cookies you can visit the Web sites of social networks. In the case of Facebook and Twitter, you can visit https://www.facebook.com/help/cookies and https://twitter.com/privacy.

Specifically, the following is a list of the main cookies used on the Website and their descriptions and functionality, including the time duration.
1)  Cookie TypeFirst part Functional
ProvenanceNuovapoesia
FinalityRecover your settings (save the user's session and remember certain settings such as the accessibility settings)
Durationpersistent cookie
  
2) Cookie Type First part Functional
ProvenanceNuovapoesia
FinalityStore the user's location and remember the language settings (anonymous)
  
3) Cookie TypeFirst part Functional
ProvenanceNuovapoesia
FinalityCustomize the content of the page depending on the device used by the user, of his choices and settings (anonymous)


How to change the settings on cookies

Most browsers automatically accept cookies, but you can usually change the settings to disable this function. E 'can block all types of cookies, or accept only get a few, and disable the other. "Options" or "Preferences" in the browser menu allows you to avoid receiving cookies and other user tracking technologies, and how to get notification from the browser activation of these technologies. Alternatively, you can also refer to "Help" of the toolbar present in most browsers.

E 'can also select the browser you used from the list below and follow the instructions: -
Internet Explorer; - Chrome; - Safari; - Firefox; - Opera. From mobile: - Android; - Safari; - Windows Phone; - Blackberry.

To learn more about cookies and to manage cookie preferences (first and / or third party) users are invited to also visit  www.youronlinechoices.com. It should be stressed that disabling cookies or those of the navigation function can cause the malfunction of the Site and/or limit the service offered by the Site.

nuovapoesia.com

User Rating: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive
 
Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Written by Cristiano Sias. Posted in Note e pensieri on 21 Jun 2016.
Hot 2547 hits 1 favoured

 

Cos’è che vi eccita tanto nel fare del bene?  E’ forse l’amore per gli altri, un sincero senso di solidarietà, una bontà d’animo che trabocca, oppure quel sottile piacere del controllo, dell’esercizio di un potere, nell’affermazione di una personalità altrimenti frustrata dagli eventi della vostra vita personale e/o professionale? Perché io non sono come gli altri, che gli basta prendere e prendono, che non guardano in bocca al caval donato e non sputano nella minestra dove mangiano, perché accettare è umiliante, perché il cavallo può essere un imbroglio e nella minestra può averci già sputato il cuoco. E voi, che non siete che gentucola, alla pari della gente che aiutate, placando la vostra coscienza sotto un velo spesso di ipocrisia; cosa credete di aver fatto aiutando una persona, se poi non lottate contro ciò che l’ha messa in quella situazione, ma anzi lo favorite, giustificate quasi, lo votate anche, quel sistema che “è sempre stato così”, perché in fondo vi ha permesso di stare meglio di lui e di…aiutare uno più sfortunato, e questo vi fa stare bene, vi fa sentire meglio. Lo fate per voi stessi, non per loro…voi, VOI non vi salverete per questo, perché non siete belle persone, perché non arretrate di un passo in favore di nessuno, e perché la bontà sincera non chiede mai nulla in cambio, la bontà sincera non fa elemosine, ma difende la sua verità contro ogni falsità, ogni mediocrità e cattiveria. Meglio chi ti ha condannato, derubato, ridotto in questo stato con crudeltà e sadismo, in totale assenza di scrupoli,  perché almeno da lui sai cosa puoi aspettarti. Ma voi, VOI non siete che gentucola più sfortunata di loro, che avrebbe bisogno di essere aiutata più di loro, perché avete smesso di vivere, di amare, di sognare, per essere soltanto un piccolo, minuscolo e inutile ingranaggio di falsità e povertà spirituale che credete, poveri meschini, di guarire con un gesto di altruismo. Ma chi può farlo, se le voci degli invisibili non chiedono che pane? Solo voi potete farlo. E se voi non vi aiutate, che Dio vi aiuti.


Cristiano Sias

Author: Cristiano Sias

39 415 43

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
2 Dislike0
1 1 1 1 1

About the Author Cristiano Sias

More articles from this author

Vote this article

05

Please login to comment
  • in ogni. caso, anche se ipocriti,farisaici ed in fondo egoisti , meglio che si scarichi la propria coscienza restituendo agli altri un pò di quello che si è tolto, piuttosto che non ridare nulla, no? Lo dico da ipocrita egoista che ogni tanto si lava la coscienza. Non so a chi fosse rivolta la tua nota, Cristiano, che motivazioni tu abbia, ma da privileg.iata dal destino, qual sono, mi sono sentita toccata .

  • Capisco che tu ti sia sentita toccata, ed è giusto così. Ti risponderò con due fatti realmente accaduti. Esattamente 26 anni fa, separato e chiuso fuori dal mio appartamento da 500 milioni, presi la mia Porche e parcheggiai alla stazione di Porta Nuova a Torino verso mezzanotte, dopo aver chiuso la mia ditta dal fatturato di dieci miliardi. Il residence che avevo prenotato per un mese era disponibile solo dal giorno dopo e feci due passi nella stazione piena di barboni infischiandomene del mio portafogli gonfio e del mio vestito della sartoria Tonino in tessuto Armani. Faceva freddo, ma ero talmente giù che mi sedetti su una panchina e mi addormentai, non prima di aver dato un'occhiata a un barbone avvolto nel suo cappotto sporco e pulcioso. Quando mi sono risvegliato alle 5 il barbone era scomparso e io ero coperto da quel cappotto. Il portafogli era al suo posto. Lo cercai per mesi, quell'uomo, inutilmente.
    8 anni dopo, in boulevard des Anglais a Nizza, ero seduto alle 23 davanti alla spiaggia sulla mia super moto da 25 milioni dopo che qualcuno aveva portato via mio figlio e la cassa della ditta. Guardavo il mare e un ragazzo si avvicinò dicendomi "dammi la moto", con una pistola in mano. Io l'avevo guardato chiedendogli "perché?" e lui aveva risposto "perché altrimenti ti uccido". E io: "e uccidimi". Se n'era andato, abbassando la testa, non dimenticherò mai quello sguardo più triste di me. Poi, il giorno dopo, ne feci una poesia. Non so se riesco a comunicare qualcosa con questi anedotti, talmente reali da risultare incredibili, ma una cosa è certa: chi non ha conosciuto la disperazione vera, "deve" sentirsi toccato.

    Comment last edited on about 4 years ago by Cristiano Sias
  • Sicuramente colpisce questa tua, per la veemenza, per la consapevolezza di ciò che affermi con forza, con il diritto di chi sa di cosa parla... e mi lasci senza parole.

  • Capisco e condivido. Il senso di solidarietà degli ultimi e della gente comune, è sempre unanimamente stato riscontrato. E' un riconoscersi nell'altro, una empatia. Belle storie, da raccontare. Un abbraccio

  • Grazie, a tutt'e due. Non vi ho mai detto quanto sia contento di vedervi qui, come un tempo. Ieri ero un po', come dire, "incazzato". Mi scuserete. Anche per quegli stralci di vita di cui non parlo mai, per pudore. Non con chiunque perlomeno. Un giorno ne farò una poesia, sicuramente una petrosa. In fondo noi dovremmo parlare solo in versi, ma a volte dimentichiamo e ritorniamo ad essere solo esseri umani.

  • Cristiano, ho letto e riletto questi tuoi pensieri, non riuscendo a trovare un commento decente se non che esperienze di vita come le descrivi tu, scavando nei ricordi che alel volte vogliamo eliminare, accadono a chiunque.
    Per esempio, in questo periodo di dichiarazioni dei redditi, noto molte persone che non si fanno mai vedere in Chiesa e allora credono di lavarsi la coscienza lasciando l'8 per mille alla Chiesa... Oppure di qualcuno che fa l'elemosina a qualche accattone accucciato fuori , massimo qualche monetina, ma poi parlando con gli amici dire "non dovrebbero permettere queste cose, cosa fano le assistenti sociali?"

    In Proposito mi viene alla mente che anni fa partecipando ad un incontro sullo sciamanesimo huna mi diedero un foglio con un titolo: così disse il grande Spirito.
    Se lo trovo lo pubblico, è uno scritto che fa meditare.

    Un Saluto, ormai conosco la tua arte scrittoria e mi prende sempre.

    Ah, dimenticavo, quando ero militare il cuoco della mensa ufficiali alle volte sputava proprio nel piatto di qualche ufficiale che gli stava antipatico... ;)

    Comment last edited on about 4 years ago by Giuliano
    from 31100 Treviso, Province of Treviso, Italy
  • Ho sorriso, quella storia del militare l'ho vissuta anch'io e questo la dice tutta sull'uomo. Meditare, mai abbastanza, mai dire "tanto è inutile", mai affermare "prima di criticare gli altri guarda te stesso" facendo il gioco di chi ci vuole minare da dentro l'autostima che ci salva, la dignità che ci redime. Il giusto non può accettare tutto così passivamente, persino chi infierisce profittando della tua situazione di inferiorità per farti sentire inferiore davvero e quindi infine inoffensivo di fronte ai suoi soprusi, mentre invece si dovrebbe comunicare, aiutarsi e aiutare, perché dare agli altri vuol dire rinunciare a qualcosa, oppure è troppo facile, come quella banca nazionale che si vantava sul suo sito di aver dato centomila euro per l'Abruzzo, che con le dovute proporzioni sarebbe come se io dessi un euro a un bimbo per un leccalecca. E lo stupore, nel vedere chi non si vergogna, non si placherà mai, non ci si abituerà mai...

  • In reply to: Cristiano Sias

    Ancora mi frullano in testa le tue parole, anche se non mi sento colpevole di aver fatto un poco di elemosina e non per sentire la coscienza più leggera, che manco ci avevo pensato... Mi tornano in mente perché sicuramente avevi chiari dei bersagli che facilmente si possono trovare nei salotti degli ipocriti.
    Fare del bene... non è uno scopo a mio avviso. Fare il possibile per aiutare chi hai vicino, se sei in grado di farlo, è invece qualcosa di naturale ed istintivo, che si fa senza accorgersi, quindi non ci si aspetta nulla in cambio, perché nulla di eccezionale abbiamo fatto. Anzi a volte è quel qualcosa di speciale, che dà un significato al mio passare i giorni...
    Insomma è qualcosa di buono che mi fa sentire bene.

    A proposito di militare... io non l'ho fatto :-) ma mio marito sì e dopo il CAR (credo si dica così) è riuscito a sistemarsi in infermeria come addetto alla Sanità, quindi esonerato da altri compiti meno piacevoli. Aveva frequentato qualche anno di medicina, finendo fuori corso... ma lo presero sul serio e lo caricarono di responsabilità.
    Fu in quella occasione, nei momenti in cui il medico (di solito alle prime armi) si assentava, lasciando sulle sue spalle la facoltà di dover decidere, che riusciva a sentirsi bene, salvando ad esempio un suo commilitone da una peritonite incombente, spedendolo d'autorità all'ospedale di zona. Cosa che solo il giorno prima il medico aveva ritenuto inutile.
    Non importa il fatto che quel commilitone forse se ne ricordi ancora, ma importa il fatto che lui stesso si sentì contento di essere stato utile a qualcuno. Solo questo ci fa stare bene.

    Se sono andata fuori tema, scusate lo sfogo. Anche a me andava di vuotare un po' il sacco, qui, fra amici. Buona serata a tutti.

Tuesday, 4 August 2020 16:04
Tuesday, 4 August 2020
Quanto manca alla vetta? Non ci pensare e sali! (F.W.Nietzsche)

  • No posts to display.
  • Online Users: 0
  • Offline Users: 51
  • Guests: 238
55 Users 481 Articles 31 Web Links 519842 Articles View Hits

Thanks to Nuovapoesia

The latest news to Nuovapoesia on your desktop  

The latest news to Nuovapoesia on your desktop   Timeline