nuovapoesia.com


La libreria più grande del mondo!


La libreria più grande del mondo!

5 1 1 1 1 1 Rating 5.00 (1 Vote)
Written by Cristiano Sias. Posted in Events and News on 12 Apr 2022.
185 hits 0 favoureds

Questa è una dichiarazione di guerra.

No state tranquilli, non invaderò il vostro PC con bombe a grappolo vietate o massacri. Quello lo sta facendo apertamente qualcun altro. Ma in modo più subdolo, silenzioso e pericoloso  anche qualcuno che entra in casa vostra tutti i giorni.

L'articolo è del 18/9/2010, l'immagine pure, ma recuperavano, ampliandolo, un mio scritto del 2005. Rileggerlo ora è una vera dichiarazione di autolesionismo, o una definitiva presa di coscienza. Decidete voi.

Vi parlerò oggi di un polipo che avvolge le nostre vite e le nostre attività, le cataloga, indirizza, condiziona, trasforma e controlla.

Ricordate quale fantastico, inimitabile, magico e insieme pericoloso serbatoio di sogni è stata Internet negli ultimi dieci anni? Un turbinio nel quale sono sorti siti a tema, vere centrali di notizie, forum tecnici, di storia, geografia, discussioni scientifiche, artistiche e letterarie in un crescendo esplosivo senza sosta nel quale tutti potevano esprimersi ed evolversi.

Nessuno apriva più la sua preziosa Treccani e persino gli hackers - che gran regalo ci fecero con gli mp3 e Linux - ritornarono buoni difensori dell'informazione libera, della tecnologia avanzata e si chiarirono competenze e posizioni. L'informazione era alla base. Su internet io seppi delle Twin Towers e del terremoto in Abruzzo prima che uscisse la notizia Ansa. Su internet conobbi persone di valore, superai confini della conoscenza inimmaginabili,  grazie ad essa pubblicai il primo libro e sviluppai relazioni internazionali, trovai lavoro amicizia e amore.

A Internet va il grande merito  di avere salvato la cultura popolare nel mondo e averla "internazionalizzata".

Poi, di colpo, tutto cominciò a rallentare. Per noi addetti ai lavori, piuttosto che per i tanti ciechi che navigano sul web senza alcuna conoscenza dei suoi "fondali", la sensazione fu immediata. La gara alle community incontrollate divenne competizione di accessi affaticando ogni settore di nicchia. I siti di scrittura si svuotarono, alcuni chiusero, altri forum di discussione appassirono. La gente sembrava stanca.

La domanda era: ma dove sono andati tutti? E ci accorgemmo che tutto questo aveva coinciso con l'arrivo di "Lui".

Sì "Lui", il mostro. Troppo strana per essere solo una coincidenza.

Il "sesto continente".

Ricevo da un po' di tempo mail e telefonate del tenore di quella di ieri: "Ho un amico disegnatore satirico, è la terza volta che gli cancellano il profilo, ora ne ha uno nuovo, ma ha grossi problemi di comunicazione...non riceve messaggi personali, non li può mandare...gli cancellano post e commenti. Ma cosa si può fare per questo comportamento così ANTIDEMOCRATICO e censorio di quello staff?"

Non so cosa abbia fatto di terribile questa persona con le sue vignette umoristiche, ma il caso è molto diffuso. Sai che novità. Oggi se non è una vera novità nulla ci colpisce. Ci passa davanti ed è già dimenticata. Andiamo a fare un giro in quel sito e notiamo senza stupore - ormai siamo abituati a tutto, appunto - che resistono impunite pagine segnalate come pedofile, proclami per criminali e di quanto di peggio e demenzial-volgare si possa immaginare... vignette no e parolacce sì, e ci si accorge che qualcosa non quadra.

Cosa si può fare, mi chiedete? Semplice: se qualcuno ti delude basta non frequentarlo più. Eppure ecco tutti lì ancora insieme, come polli intorno alla mangiatoia...

E' sintomatico come l'arrivo di facebook (scritto oggi obbligatoriamente con la effe minuscola) abbia coinciso con un ciclico "ri-addormentamento" globale della psiche e del corpo, a tutti i livelli, sviluppando impietoso nel momento in cui la crisi si faceva più acuta e le menti deboli erano pronte a riceverlo, virus paziente in attesa del momento giusto, con le difese immunitarie al minimo, per cominciare a nutrirsi della vittima prescelta e diventare quindi una componente essenziale del suo quotidiano e delle sue abitudini.

"Non ti seguiranno, si divertono troppo".

Roba per menti "aperte"? Non dirlo neanche per scherzo! Ti farebbero a pezzi.

Io ne presi le distanze pubblicamente tempo fa. Lo feci quando mi resi conto che quel posto non è un libro di facce ma un vero buco, un buco nero che risucchia e dal quale non sai come potresti uscirne, se sarai capace di uscirne. Perché come fa a rinunciare di colpo a mille amici, anche se sa che non li vedrà mai e che non gliene importa nulla di loro, la mia amica massaia che in 20 anni ha conosciuto sì e no il salumiere, il panettiere e la parrucchiera dell'isolato e ha fatto un corso di uncinetto per corrispondenza senza che nessuno le dicesse mai che razza sarebbe se fosse un cane??

Tutto cominciò come una rivoluzione e solo ultimamente questo buco nero sta mostrando la sua vera faccia "modellatrice" di uomini: l'invenzione del socialnet-stereotype, un'idrovora delle facce, altro che libro.

A me come tutti, hanno cancellato applicazioni, contatore, html, persino l'immagine con il link al nostro sito e le poche applicazioni intelligenti che avevo trovato. Cioè, su quelle pagine, le uniche personalizzazioni possibili, che piacciono tanto a un webmaster e che è meglio che altri "non tocchino". Inoltre non si possono più segnalare le note, quindi non è più possibile far sapere agli "amici" le proprie idee e condividerle... A che serve allora?

(Qualcuno mi ha riferito oggi di ricevere regolarmente le segnalazioni delle note, i famosi "tag". Se questa notizia fosse confermata, la situazione sarebbe molto grave: avremmo infatti la prova di una gestione inaffidabile e una censura "mirata" e personalizzata oltre alla totale assenza di ogni tutela sulla privacy e sui diritti dell'individuo.)

"Bene, BRAVI" scrissi di getto in bacheca "sa tanto di regime. Ma noi che ci stiamo a fare in questo oratorio virtuale gigante dalla grafica orribile?? Torniamocene a casa.".

Decisi di fare il verme nella mela.

Poi in fondo può essere utile, per la tua attività, per vendere un libro o un caffè in più.

Cavolo però se si scivola...e l'idrovora è sempre in funzione.

Sempre di più...


Ora aspetto di essere bannato, a testa alta. Ma temo non vogliano concedermi questo onore.

...

Amici del web, che ne dite, ne abbiamo davvero così tanto bisogno dei social networks? Non è forse arrivato il momento di dire "basta" e ritrovare la nostra identità, il nostro spazio, i veri amici, la nostra famiglia?

Il mio appello è rivolto agli esseri pensanti del web, a tutti coloro che non abbiano un interesse diretto nella difesa di quel luogo e di luoghi simili, o che ne abbiano avuto persino un danno, e a coloro che credono che Internet sia soprattutto da tutelare, non da soffocare, indirizzare e reprimere sulla base di falsi moralismi o per puri fini utilitaristici.

Grazie


Cristiano Sias


PS: Il termine socialnetwork è composto dalle parole social (sociale) net (rete) work (lavoro), cioè una rete di persone connesse fra loro da legami sociali e professionali. Facebook è composto dalle parole face (faccia) e book (libro). Se è vero che "Nomen omen" (un nome un destino), notiamo che nessuno dei due è utilizzato correttamente per ciò che sembrerebbe rappresentare. Oggi sarebbe più corretto dire "Nomen facie" (il nome dell'apparenza).

Il vecchio articolo completo è su Nuovapoesia nel vecchio forum.


Cristiano Sias

54 669 59

2 Dislike0

About the Author Cristiano Sias

More articles from this author

Please login to comment
  • La tua profonda e razionale analisi non fa una grinza, ma in questo caos fra parti potenzialmente utili, ma insieme pericolose, tutto andrebbe sempre preso con le pinze, con un disinfettante tipo quello per Covid per depurarlo dalle falsità, dalle prese di posizione ben celate, come trappole.
    Perché tutti qui? Perché ormai, nel bene e nel male qui ci si ritrova tutti e a questo punto dovremmo agire nel migliore dei modi, ritrovandoci in sedi specifiche a seconda degli interessi di ogni gruppo. Insomma questo potrebbe diventare come l'elenco telefonico, cui attingere per darsi appuntamento nelle sedi più appropriate.
    Perché ciò non avviene? Il pettegolezzo fa subito le sue vittime, il commercio ha qui una vetrina immensa, i gruppi spesso danno modo ad ogni età d'incontrarsi come nelle chat per incontri, che nel frattempo erano diventate a pagamento... insomma mille ragioni per cui ci si perde strada facendo.
    Ci sarebbero ancora molte cose da aggiungere, ma tutto dimostra solo che è nel contempo utile e dispersivo.
    E per ora GRATIS
    Se un giorno si dovesse imporre un abbonamento, credo che finirebbe tutto in una immensa bolla di sapone. Abbi fede!

    Comment last edited on about 3 weeks ago by ester
FaLang translation system by Faboba

If you like this site, considered to give even a small help for subsistence. Thank you



L'Italia è una Repubblica affondata sul lavoro. (C.Sias)
L'Italia è una Repubblica affondata sul lavoro. (C.Sias)
  • Online Users: 0
  • Offline Users: 53
  • Guests: 175
55 Users 546 Articles 852720 Articles View Hits

Thanks to Nuovapoesia

The latest news to Nuovapoesia on your desktop 

The latest news to Nuovapoesia on your desktop   Timeline

Change the light/dark look