nuovapoesia.com

4.675

4.6666666666667 1 1 1 1 1 Rating 4.67 (3 Votes)
Written by Cristiano Sias. Posted in Prosa on 02 May 2016.
Hot 3255 hits 2 favoureds

Il Guardiano delle Parole cammina in una strada bianca e silenziosa. Così angusta e distesa sui colli, si offre serena al sole del mattino. La discesa è ruvida e discreta, impennandosi un poco e scomparendo più avanti in un bosco scuro, turbata appena da pani di pietra gialla e ciuffi d'erba talmente verdi da sembrare finti. I suoi passi non fanno rumore. Visto da vicino il bosco è ancora più grande e cupo. A valle si intravede la pianura separata da file di cespugli e dai sassi dei muretti. Né una casa, né un traliccio a ricordare la presenza dell'uomo. Anche i muretti sembrano il disegno di un poeta-pittore e neanche sforzandosi si riesce a immaginare altro che quella strada tortuosa in questo luogo senza tempo.

Forse è sempre esistita così, come un respiro fra salici e rododendri, un pigro sorriso che invita il viandante ad andare fino alla prima curva, poi ancora fino alla successiva. Ogni curva è un allegro attimo di vento che sospinge e va via, invitandoti a seguirlo. Se non si scorgesse il mare lontano si potrebbe pensare che la strada non finisca mai. Al di là del bosco, lo sguardo si allarga su una distesa verde macchiata di parole nuove come fiori cangianti e parole vecchie dall'alto e rugoso fusto. Lui ama camminare in questo tiepido miscuglio di colori e sensazioni. Anche i pensieri gli vengono alla mente come quelle figure dei libri di scuola con i contorni marcati e pronte per essere colorate. Procede senza fermarsi, senza mai distogliere lo sguardo da quelle tinte magiche. La campagna gli restituisce grata immagini di una bellezza lieve contornata da un cielo azzurro e violento. Le nuvole scaturiscono dalla polvere bianca, fra i papaveri accesi dal sole come esseri mutanti fra sangue e amore. E' ora di rientrare. Al ritorno i prati sembrano altri prati e la luce del sole è più sapiente. I suoi passi sono più lenti, quasi a prolungare al massimo il piacere come un amante raffinato. Ama questi luoghi, un giorno anche lui andrà fino a quell'ultima curva e si siederà sulla spiaggia. Ma il mare è ancora troppo lontano, il ladro potrebbe essere nascosto dietro ogni pietra, ogni cespuglio. Il Guardiano si scuote, apre la sua sacca consumata e comincia a seminare come ogni giorno un centinaio di parole: sa bene che il ladro è sempre in agguato e lui deve sorvegliare attentamente. Egli agirà rapido e silenzioso, non potrà portarne via più di qualcuna, forse una decina, nel suo piccolo cestino. Il peso ne potrebbe rallentare la fuga.

Il ladro di parole è un grande stratega, un vero comunicativo. Le porterà nel suo appartamento inaccessibile, esponendone solo alcune dal suo balconcino affinché tutti possano ammirarle, invidiarle, imitarle. Quelle due o tre basteranno per i suoi contatti col mondo, per la conoscenza e il controllo delle sensazioni degli altri. Come ogni giorno, il tempo sembra fermarsi, gli uccelli si posano e un fremito leggero percorre il prato. In quell'incanto l'attesa viene premiata e la voce del Guardiano risuona nella valle, la sola eco a farle compagnia. La solita canzone, ogni giorno...sempre la stessa:

 

Parole

figlie di fantasia

acerbe sempre in piedi

amiche ignote che sfuggite di mano

profane che partorisco in fretta

all'alba rossa sempre mi deludete

oscure di pace e cultura

parole di troppo senza sesso

meditate e feconde

colte in un vicolo

disperse nell'aria

per un sorriso o un respiro

un'idea o un amore.

 

Parole amate ditemi: qual'è il paradosso del nostro tempo?

In coro si leva la risposta: nel silenzio...ci salveremo.


Cristiano Sias

Author: Cristiano Sias

40 429 44

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
4 Dislike0

About the Author Cristiano Sias

More articles from this author

Discuss this article in the forums (3 replies).
Please login to comment
  • Meravigliosa favola-metafora del Poeta Ladro-Guardiano, che ogni giorno si lascia fuggire qualche parola, con parsimonia, non può farne a meno, è nella sua natura, così come è nella natura dei sentimenti di trasformarsi in versi, che, come i papaveri al sole sono "esseri mutanti fra sangue e amore."

    "Al ritorno i prati sembrano altri prati e la luce del sole è più sapiente. I suoi passi sono più lenti, quasi a prolungare al massimo il piacere come un amante raffinato."

    Un passaggio che mi sembra il massimo in questo testo che per altro mi riporta ricordi d'infanzia

    "...quella strada tortuosa in questo luogo senza tempo."

    Mi rivedo nelle passeggiate pomeridiane da Lavagna su per la collina, verso santa Giulia, sotto il sole ancora cocente e poca ombra dagli ulivi maestosi.
    Un tempo che non riesco a scordare: la Terra di Liguria e la sua gente... l'incanto del mare visto da quelle piccole altezze, sempre presente agli occhi...

    Terra meravigliosa, come la Terra di Sardegna... Credo abbiano un concime speciale per partorir Poeti.

    Taccio sull'ultima domanda perché non ho risposte e credo meriti il Forum

    A te, abile architetto, m'inchino!

  • In reply to: ester

    Conosco quei luoghi, forse non sai che ho vissuto anni a Rapallo, posso dirti che è il miglior commento ricevuto su questo brano, tanto metafora quanto reale. Questo conta, come i valori che a volte si crede di aver perduto, ma ancora resistono, più forti di tutto. Grazie.

  • In reply to: Cristiano Sias

    Sapevo di Rapallo, me lo dicesti in occasione di vecchi messaggi su Scrivi.com. Dal 2000 al 2008 accompagnavo con mio marito mio suocero alla residenza protetta "Minerva" per i mesi di luglio e agosto, ma ero troppo di fretta per poterti cercare.
    Mi sembra incredibile di aver compreso bene il tuo messaggio. Unico dubbio "il ladro": l' ho identificato come l'alter-ego del guardiano, ma forse intendevi altro.
    E comunque è quasi una necessità a volte esprimere sensazioni, empatie, emozioni che premono per avere il loro spazio, o vogliono proprio essere una confessione pubblica.
    Grazie a te.

    Comment last edited on about 4 years ago by ester
  • Non credo che "il guardiano" si siederà mai sull'ultima curva attento com'è a seguire i "ladro" che, da vero stratega insisterà sempre a rubare parole. Ma lui sa e di cosa si potrà gloriare mai? Nei giardini delle parole la gramigna nasce spontanea, più ne nasce e più ne cresce ed è proprio di quella che si nutre l'ingordo che comunque viene quasi sempre pescato con le mani nel sacco. Io non dispero e vigilo, leggo e passo oltre senza perdere il mio tempo

  • L'eterno conflitto fra Jekyll e Hyde, prendere, plasmare e far volare ancora parole per nuova vita, in fondo il ladro coglie qualcosa che vorrebbe suo e lo dona aggiungendo una parte di se. Vero, le parole si fondono, si plasmano nel silenzio, e nelle immense profondità dell'anima prendono direzioni inaspettate. Perchè altri le " rubino " per nuovi germogli...
    Il giallo del sito fa tornare in mente Scrivi.com, dove tanti di noi hanno camminato insieme in un mondo virtuale ed hanno scoperto di esistere.

È più divertente essere un pirata che arruolarsi in marina.(S.Jobs)
September 2020
Mo Tu We Th Fr Sa Su
31 1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 1 2 3 4
See the page of
  • No posts to display.
  • myewe
  • Massimo Pacelli
  • testinga
  • antonio spagnuolo
  • marco
  • Online Users: 0
  • Offline Users: 51
  • Guests: 1,513
52 Users 481 Articles 477181 Articles View Hits

Thanks to Nuovapoesia

The latest news to Nuovapoesia on your desktop  

The latest news to Nuovapoesia on your desktop   Timeline